closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

Kobane allo stremo, scaricata

Iraq/Siria. Lo Stato Islamico controlla oltre un terzo della città. Obama: «I raid non bastano». Ankara: «Folle pensare che interverremo da soli». Ancora scontri tra polizia turca e manifestanti curdi: 25 le vittime totali

Bombardamenti della coalizione intorno Kobane

Bombardamenti della coalizione intorno Kobane

I miliziani dello Stato Islamico entrano a Kobane con i carri armati. Un'ulteriore prova di forza, se mai fosse stata necessaria. E mentre la città curda nel nord della Siria è ad un passo dalla caduta, Washington e Londra fanno notare – a chi non se ne fosse accorto – che i raid aerei non bastano e la Turchia sottolinea che è irrealistico pensare che possa intervenire via terra da sola. Ormai le milizie di al-Baghdadi controllano oltre un terzo della comunità al confine turco, dopo tre settimane di assedio, oltre 400 morti e 160mila profughi: «L'Isis ha in mano...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi